LONTANO, DA QUALCHE PARTE… la prima guerra mondiale attraverso le voci di una generazione perduta

Postato da IASRIC Admin - IAS_article - mar 25, 2017 -

martedì 28 marzo ore 17.00
mercoledì 29 marzo 2017 ore 11.00
TEATRO DELL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL’AQUILA
L’Aquila Via L. Da Vinci s.n.c.

regia, scenografia e video Fabrizio Pompei
drammaturgia e scelte musicali Carla Arduini
RACCONTARE LA STORIA

Il progetto intende favorire la diffusione e l’ampliamento dell’offerta culturale e artistica in favore della popolazione de L’Aquila e dei Comuni del cratere del sisma 2009, con particolare riferimento alle giovani generazioni, attraverso la creazione e la rappresentazione di due eventi “La stella d’Italia, dall’unità alla Repubblica” (già svoltosi il 2 giugno 2016 presso l’Auditorium del Parco, che ha visto la presenza dell’Assessora Leone) e “Lontano, da qualche parte… la prima guerra mondiale attraverso le voci di una generazione perduta” che avrà luogo il 28 marzo 2017 alle ore 17.00 e il 29 marzo 2017 alle ore 11.00 presso il Teatro dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.
La tematica progettuale è riferita ai fatti storici che hanno caratterizzato il Novecento e sancito l’unità d’Italia nel drammatico contesto della prima guerra mondiale, la caduta del fascismo e la guerra di liberazione fino alla proclamazione della Repubblica all’indomani delle votazioni a suffragio universale.
La forma divulgativa dei contenuti culturali del progetto prevede la integrazione di molteplici linguaggi, a partire dalla interpretazione attoriale, alla musica, nelle sue molteplici espressioni, alla comunicazione delle immagini fotografiche e cinematografiche, in grado di coinvolgere gli spettatori in un approccio emozionale di grande impatto ed efficace comprensione di ogni aspetto delle vicende proposte.
Gli eventi ripropongono tra l’altro materiali documentaristici: immagini, foto, scritti (lettere, diari) filmati, riferibili a personaggi e eventi che hanno avuto come protagonisti nostri conterranei.
L’obiettivo del progetto è, per l’appunto, quello di coinvolgere gli spettatori, i giovani soprattutto, gli studenti massimamente, alla conoscenza della storia approfondendone anche gli aspetti più prossimi all’evoluzione della società italiana e le peculiarità in ambito locale. Non di meno è obiettivo del progetto indirizzare i più giovani alla maturazione di una esperienza visiva e formativa nel campo dei linguaggi multimediali e multidisciplinari, che per l’appunto sono alla base degli eventi scenici proposti. L’esperienza così maturata può ampliare il loro interesse all’indagine storica con uno sguardo rivolto al passato e proteso all’oggi, sviluppando capacità relazionali di maggior respiro anche ai fini di una attiva compartecipazione alla società.